REGOLAMENTO 2018-02-23T16:25:35+00:00

REGOLAMENTO


I: Regolamento
II: Soci e loro assemblee
III: Elezioni del Consiglio Direttivo
IV: Consiglio Direttivo, Presidente e Segretario – Tesoriere
V: Gestione amministrativa
VI: Congresso Nazionale


Titolo I: Regolamento.

Art. 1) – Il regolamento integra le norme dello Statuto e ne ha la stessa efficacia normativa. Le norme del regolamento non possono essere in contrasto con quelle dello Statuto.

Art. 2) – Le proposte di modifica dello Statuto, devono essere inviate al Segretario-Tesoriere che le inoltrerà al Comitato permanente per l’aggiornamento dello Statuto e del Regolamento per un esame preventivo; il comitato formulerà le proposte in articoli e le sottoporrà al parere del Consiglio Direttivo. Esse con le eventuali modifiche proposte dal Consiglio Direttivo saranno presentate all’assemblea dei soci, la quale dovrà approvarne il testo definitivo con la maggioranza di almeno due terzi dei soci presenti.

Le proposte di modifica di Statuto dovranno venire inserite nell’ordine del giorno dell’assemblea; il testo relativo alle proposte, integrato dalle modifiche presentate dal Comitato permanente e dal Consiglio Direttivo, andrà inviato preventivamente a tutti i soci per lo meno trenta giorni prima della data di convocazione dell’assemblea.

Qualora le proposte di modifica vengano respinte dal Comitato permanente e/o dal Consiglio Direttivo, ne verrà data comunicazione all’assemblea e al primo dei soci proponenti.

Art. 3) – Le variazioni delle norme del Regolamento possono essere proposte dal Comitato indicato che le sottoporrà per l’approvazione al Consiglio Direttivo; esse una volta approvate entrano a far parte automaticamente del Regolamento e diventano operative non appena comunicate ai soci.

Art. 4) – I soci hanno diritto di proporre variazioni delle norme del Regolamento. Tali proposte vanno presentate al segretario-Tesoriere, il quale le sottoporrà al “Comitato Permanente”. Se accettate dal Comitato Permanente esse seguiranno le norme di cui al precedente art. 4. Nel caso che le proposte vengano respinte dal Comitato permanente e/o dal Consiglio Direttivo, ne verrà data semplice comunicazione all’assemblea, senza sottoporle a votazione.

Titolo II: Soci e loro Assemblee.

Art. 5) – Il socio ordinario, purché in regola con il pagamento della quota sociale, ha diritto:

a partecipare a tutte le manifestazioni o riunioni indette dall’associazione;
a proporre al Presidente, almeno un mese prima della convocazione dell’assemblea, argomenti da inserire nell’ordine del giorno;
a presentare al Presidente proposte per la realizzazione degli scopi sociali e l’organizzazione dell’associazione;
a proporre i temi di relazione, di Tavole Rotonde o di Simposi;
a compilare liste di candidati per le elezioni assembleari del Consiglio Direttivo.

Art. 6) – Durante l’assemblea ordinaria dei soci devono essere effettuate, nell’ordine, le seguenti operazioni:

– lettura del verbale della precedente assemblea e relativa approvazione;
– relazione sullo stato e sulle attività dell’Associazione tenuta dal Presidente
– relazione amministrativa con presentazione del bilancio consuntivo e preventivo tenuta dal Segretario- ..Tesoriere;
– approvazione dei bilanci;
– approvazione del tema della Relazione Ufficiale, del Corso di Aggiornamento presentati dai soci al Consiglio Direttivo prima dell’assemblea. II tema proposto deve essere illustrato all’assemblea;
– elezione delle cariche sociali;
– ratifica dell’ammissione dei nuovi soci.

Art. 7) – La convocazione per assemblee straordinarie deve essere fatta per iscritto o con altri sistemi di comunicazione informatica con esplicitazione dell’ordine del giorno e con un preavviso di almeno quindici giorni.

Titolo III: Elezioni del Consiglio Direttivo.

Art. 8) – Le elezioni del Consiglio Direttivo si svolgono nel corso dell’assemblea ordinaria dei soci ogni due anni.
II Consiglio Direttivo uscente può proporre una lista di soci.

Eventuali altre liste potranno essere presentate all’assemblea da un gruppo di soci. Tali liste dovranno pervenire al Segretario-Tesoriere prima dell’assemblea e dovranno portare la firma dei soci presentatori.

I soci elettori potranno comunque esprimere la propria preferenza per altri soci eleggibili.

Titolo IV: Consiglio Direttivo.

Art. 9) – Il Consiglio Direttivo agisce nell’interesse della Società; ad esso competono tutti gli atti della conduzione e dell’amministrazione nella finalità istituzionale della società. In particolare deve:

-preparare il bilancio consuntivo da sottoporre all’approvazione dell’assemblea;
-deliberare su tutte le proposte da sottoporre all’assemblea;
-valutare le domande di ammissione a socio e quelle di dimissione;
-riferire di tutte le sue attività all’assemblea societaria in occasione della seduta ordinaria;
-esaminare le richieste presentate al Presidente per la concessione del “patrocinio ufficiale della S.I.F.E.L.” a manifestazioni scientifiche e culturali di interesse Foniatrico e Logopedico.

Titolo V: Gestione amministrativa.

Art. 10) – L’anno amministrativo coincide con l’anno solare, inizia il primo giorno dell’anno e termina l’ultimo giorno.

Art. 11) – La riscossione delle quote sociali avviene ad opera del Segretario-Tesoriere o da agenzia esterna approvata dal Consiglio Direttivo, che invia entro il mese di Gennaio, avviso di pagamento della somma dovuta per la quota dell’anno sociale in corso.

Art. 12) – Le spese di gestione ordinaria della società vengono decise dal Consiglio Direttivo e vengono sostenute facendo riferimento al patrimonio dell’associazione.

Titolo VI: Congresso Nazionale.

Art. 13) – II Congresso si svolge annualmente in un periodo deciso dal Consiglio Direttivo.

Art. 14) – Le proposte relative alla sede del Corso Monotematico ed al socio designato a presiedere il Comitato Organizzatore dello stesso vengono sottoposte dal Consiglio Direttivo all’assemblea dei soci per la ratifica.

Art. 15) – Il Presidente della società, in qualità di Presidente del Comitato Organizzatore, stabilisce il programma del Congresso e la quota di iscrizione dello stesso.

Art. 16) – La quota di iscrizione del Congresso deve essere proporzionata alle esigenze del programma scientifico e sociale; il Presidente del comitato organizzatore ha la facoltà di sollecitare in nome della società eventuali contributi da Enti o persone e di allestire una mostra scientifico-sanitaria.

Art. 17) – Il Presidente del Comitato organizzatore è del tutto indipendente dal punto di vista economico dalla segreteria-tesoreria della società. Egli sarà responsabile dal punto di vista economico e legale di tutte le spese effettuate e di tutti i provvedimenti presi per l’organizzazione del Congresso.

Art. 18) – Il tema di relazione ufficiale viene assegnato due anni prima della sua presentazione.
Il socio deve svolgere la relazione, ne è responsabile a tutti gli effetti anche se si avvale della collaborazione di uno o più colleghi.

E’ buona regola che i componenti del Consiglio Direttivo siano inseriti attivamente nei lavori congressuali.

Art. 19) – La SIFEL contribuisce alle spese di pubblicazione della Relazione Ufficiale limitatamente al numero di 100 pagine, salvo diverse determinazioni dell’assemblea. La Relazione Ufficiale può essere pubblicata in formato cartaceo, elettronico in entrambi o in altre forme compatibili con il progresso tecnologico. Sono a carico della Società eventuali spese di spedizione. E’ ammesso il contributo di sponsor esterni per la realizzazione della Relazione sia nella forma cartacea e\o elettronica, con loro diritto ad inserire una pagina pubblicitaria.

Art. 20) – La relazione è di proprietà letteraria riservata della società; le copie eccedenti potranno essere in parte cedute allo sponsor, in parte cedute a prezzo di costo; il relativo introito viene incamerato dalla società stessa.

Il Corso di Aggiornamento viene assegnato un anno prima del suo svolgimento; esso deve privilegiare gli aspetti pratici ed applicativi dell’argomento prescelto, rivolgendosi prevalentemente ai contenuti terapeutici e riabilitativi. Il socio ordinario affidatario del corso deve tenerlo anche in collaborazione con uno o più colleghi, ma la società non ha il dovere di stamparne gli atti; egli però è libero di pubblicarli.

Art. 21) – I soci e gli iscritti al Congresso hanno diritto di presentare comunicazioni scientifiche. Sono ammesse due comunicazioni per autore; se ad una comunicazione hanno collaborato più autori, ciascuno di essi ha diritto a presentare un’altra comunicazione personale o assieme ad altri.

Le comunicazioni scientifiche possono essere inviate anche da autori non soci purché iscritti al Congresso.

SIFEL – SOCIETÀ ITALIANA DI FONIATRIA E LOGOPEDIA

Via Statale Abetone e Brennero n.65, 56017 San Giuliano Terme (Pisa)